«Per quanto complesse possano sembrare le questioni a livello globale, non dobbiamo dimenticare che siamo noi ad averle create. Dunque è impossibile che la loro soluzione sia al di là del nostro potere di esseri umani. Dobbiamo ripartire dalla nostra umanità, riformando e facendo emergere le nostre capacità: questo tipo di rivoluzione umana individuale può portare a un’effettiva riforma su scala globale» Daisaku Ikeda

giovedì 30 giugno 2011

Viva le scale!!


Per l’indipendenza dagli schiavi energivori


Adoro fare le scale, non lo nascondo. Mi piace il ritmo che si segue gradino dopo gradino, mi rilassa, mi aiuta a pensare. Sia in salita che in discesa, anche fino al quinto piano, preferisco fare le scale, piuttosto che attendere l’ascensore per chiudermi dentro delle lamiere e restare immobile come in una bara. 

Certo, se ho del peso eccessivo da trasportare, o se arrivo stanco morto a casa, prendere l’ascensore è un sollievo, una utile comodità: non mi fraintendete. Ma visto che ho buona salute e non ho problemi a camminare, se posso scelgo di fare le scale. 

Spesso mi capita di andare a trovare degli amici che abitano in appartamenti al quarto o quinto piano. Non appena mi vedono salire per le scale subito mi chiedono meravigliati per quale motivo mai non abbia preso l’ascensore: “c’è l’ascensore non l’hai visto?”. Quasi come fosse un obbligo prendere l’ascensore, come se le scale fossero state fatte soltanto per essere usate in caso di estrema necessità, nel caso di un black-out ad esempio. Mi diverto ogni volta a notare le facce stupite perché non capiscono e non possono fare a meno di puntualizzare che non ero costretto a fare le scale, che per fortuna c’è l’ascensore. Addirittura alcuni mi chiedono se soffro di claustrofobia o se ho paura perché in passato ho avuto brutte esperienze! E io invece rispondo semplicemente che “mi piace fare le scale”, ottenendo una reazione ancor più colma di stupore.

Fare le scale è un esempio sciocco, che molti non capiranno, ma è esattamente ciò che intendo per “scollegarsi”, una banale azione che mette in discussione una norma comportamentale assodata dallo sviluppo tecnologico. “Prendere l’ascensore è simbolo di progresso, faticare per le scale è simbolo di arretratezza”. Andare contro queste, se pur sottili e stupide, credenze dell’uomo moderno, ci permette di uscire dalle consuetudini e dalle inerzie mentali imposte dal sistema, facendo un passo avanti, in un altro tipo di progresso, quello umano. 

Fare le scale diventa l’espediente per rinunciare a una comodità tecnica che non risulta vantaggiosa in ogni circostanza, che permette di fare del moto, di incontrare le persone del condominio e scambiare anche solo un sorriso, di vedere oltre il nostro naso e di liberarci dalla dipendenza opprimente dai nostri, seppur utili e comodi, schiavi energivori. 

«La crisi energetica non si può superare con un sovrappiù di energia. Si può soltanto dissolverla, insieme con l’illusione che fa dipendere il benessere dal numero di schiavi energetici che un uomo ha sotto di sé» Ivan Illich

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog