«Per quanto complesse possano sembrare le questioni a livello globale, non dobbiamo dimenticare che siamo noi ad averle create. Dunque è impossibile che la loro soluzione sia al di là del nostro potere di esseri umani. Dobbiamo ripartire dalla nostra umanità, riformando e facendo emergere le nostre capacità: questo tipo di rivoluzione umana individuale può portare a un’effettiva riforma su scala globale» Daisaku Ikeda

lunedì 31 gennaio 2011

DFRU: La soluzione esiste già, parte 5/30


Parlare di progresso, di pace nel mondo, di solidarietà e di fratellanza tra i popoli sarà del tutto inutile fino che non sarà affrontata e risolta (o almeno alleviata) la più grande ingiustizia di tutti i tempi: l’ingiustizia Nord/Sud del mondo.
È stato calcolato che se volessimo garantire a tutta la popolazione mondiale uno stile di vita pari a quello statunitense occorrerebbero cinque pianeti uguali al nostro [10]. Dato scioccante non ti pare?
L’ingiustizia è eclatante: soltanto una piccola parte della popolazione mondiale (non oltre il 25%) utilizza oltre l’80% delle risorse del nostro pianeta. Il Sud del mondo è volutamente tenuto in condizioni di semischiavitù e di povertà estrema per permettere ai pochi fortunati del Nord di potersela spassare alla grande. Questa è una verità innegabile.
Come non lo sapevi? Ah, forse facevi finta di non saperlo. Come si dice: occhio non vede cuore non duole. E devo dire che è una filosofia che ha una sua logica. Ma questa logica sarà spezzata. È solo questione di tempo. La questione sta nel fare in modo che la rottura di questo sistema avvenga in modo pacifico e quanto meno indolore. Mentre in Europa le foreste stanno riprendendo campo lentamente, grazie a interventi di rimboschimento, in Africa, in Asia e America del Sud vengono abbattuti ogni anno 20 milioni di ettari di foreste [4]. E quel legname in gran parte viene utilizzato per prodotti venduti al Nord. Questo è solo un piccolo esempio.
Pensa che l’inverno la tua casa è calda grazie al greggio o al gas che proviene da quei paesi in cui la popolazione non ha acqua corrente in casa e fatica a soddisfare tutti i bisogni primari, mentre tu ti sei quasi dimenticato che esistono dei bisogni primari come mangiare, bere, vestirsi e ripararsi sotto un tetto. Tu ti fai due o tre docce al giorno e usi tre o quattro tipi di detergenti per il tuo corpo, mentre da molte parti del mondo, persone bevono acqua sporca che causa loro malattie che si portano dietro tutta la vita.
Ma poi riflettendoci un po’ mi dici che queste cose già le sapevi e le avevi sentite dire tante volte. Dopotutto anche a te ti sembra una grossa ingiustizia. In un mondo giusto ogni persona dovrebbe aver diritto grosso modo a godere della stessa qualità di vita, o per lo meno a riuscire a soddisfare i propri bisogni primari a pieno. Mi dici anche che ci avevi pensato e spesso avevi donato dei soldi per interventi umanitari e progetti di aiuti in Africa, per costruire scuole o comprare vaccini. Addirittura ti ricordi che avevi fatto l’adozione a distanza per permettere a un bambino povero di poter andare a scuola e di comprarsi i vestiti e i libri. Senza dubbio una buona azione, non ti pare? Ma non è altro che un modo quasi vergognoso per alleviare il nostro senso di colpa e mascherare la vera soluzione del problema: e cioè la totale emancipazione delle popolazioni del Sud e l’interruzione del nostro sfruttamento nei loro confronti, sfruttamento di cui siamo tutti complici e che tacitamente consentiamo.
È arrivato il momento di uscire da ogni ipocrisia ed ammettere che siamo noi stessi i primi a non voler rinunciare al nostro fittizio benessere e la nostra bambagia non la vogliamo condividere con altri. Specie se così numerosi.
Dobbiamo scegliere adesso di rinunciare a tanti bisogni inutili (creati dal sistema stesso per mantenersi in vita) e a tante comodità che possiamo condividere in modo civile, senza che nessuno sia svantaggiato. Dobbiamo fare diverse scelte, che vedremo nelle prossime pagine, e le dobbiamo fare per amor di noi stessi e finché c’è data la possibilità di poter scegliere. Forse un giorno saremo costretti a cambiare rotta. Ed essere costretti con la forza non è un bene, non lo è mai stato.
Dal mio misero punto di vista non vedo al momento altre scelte possibili e tutto mi sembra così ovvio. La rivoluzione industriale e scientifica ci ha dato i mezzi tecnici per modificare pesantemente il nostro stile di vita (in certi casi migliorandolo sul serio), ma c’è solo una piccola pecca, un piccolo errore, forse una svista che dobbiamo avere il coraggio di correggere. Il progresso scientifico e tecnologico non è stato asservito al benessere dell’essere umano e del suo ambiente, ma alla base teorica dello sviluppo è stata posta la logica di mercato, una logica che si fonda solo sul denaro e sul prezzo di vendita e di acquisto, cioè un mondo basato sulla domanda e sull’offerta. Senza tener conto dei limiti fisici del nostro habitat, del rispetto per le risorse naturali né per le altre popolazioni. Il fatto è che le scoperte scientifiche hanno permesso all’uomo di stravolgere la sua vita (legge di gravità, termodinamica, relatività), ma non sono minimamente state prese in considerazione quando si è trattato di delineare i principi base dell’economia e della politica.
Non ho certo scoperto niente di nuovo, lo sappiamo tutti (o quasi) che è andata proprio così. È inutile che tu dica che un mondo diverso è un mondo ideale, non realizzabile. Perché un mondo diverso, giusto ed equilibrato non solo è possibile, ma è anche l’unica scelta costruttiva che abbiamo.

2 commenti:

  1. La questione Nord/Sud del mondo è delicata. Noi occidentali abbiamo reso il Sud povero, o meglio, noi occidentali siamo diventati ricchi proprio perché abbiamo sfruttato il Sud povero. IL Sud ha reagito con una proliferazione demografica spaventosa, il cui risultato è il problema che abbiamo sotto gli occhi. E' da notare che il paese che sta esplodendo demograficamente e che causerà più guai è l'Africa. E' altresì importante notare che i girsso guai per l'Africa, dal punto di vista della povertà e della sovrappopolazione, sono cominciati paradossalemte con la decolonizzazione. Questo non vuol dire che gli africani non avessero diritto alla libertà, ma che i loro liberatori, con la complicità di USA, URSS (all'epoca) e Cina, non gli hanno reso un buon servizio. Da lì è cominciato il declino dal Biafra in poi. Nel resto del Terzo mondo, con la promessa del benessere si sono create favelas su favelas ... il fatto che uno, quaggiù. si faccia tre docce al giorno c'entra poco con la povertà spaventosa di quei popoli. C'entrano molto le carità pelose delle varie ONG che lucrano sulla solidarietà.
    Il punto principale è il controllo delle nascite. Istruzione per le donne, meno figli, meno cultura del "faccio figli a caterve così loro vanno da qualche parte e poi mi aiutano", meno vittimismo e senso di colpa nei confronti di questi sfortunati. Non è interesse politico agire così, meglio fare finta che sia tutta colpa nostra (in gran parte lo è, certo) e trascurando le LORO responsabilità.
    Quando la bomba demografica africana ci esploderà in faccia voglio vedere se il problema sarà nato da quelli che si fanno tre docce al giorno.
    IL Sud viene devastato dal Nord con la complicità di quelli del Sud che si arricchiscono a dismisura e che hanno interesse a tenere la popolazione a un basso, bassissimo livello.
    Il sistema deve cambiare, ma non può cambiare, finché il potere rimane in mano a USA, multinazionali, Cina, ecc.
    Che Guevara ha creduto nella possibilità dei popoli del Sud di liberarsi ... ed è finito sulle magliette.
    Per cambiare ci vuole una rivoluzione, ma basata sulle premesse giuste. La cosiddetta redistribuzione delle ricchezze è una utopia perché chi è ricco non molla l'osso. Per farglielo mollare bisogna strapparglielo, non limitare il numero delle docce.

    RispondiElimina
  2. PS Senza contare il sistema della schiavitù, che ha contribuito molto a delineare irapporti Nord/Sud ... Faccio notare che gli schiavi neri venivano procurati ai bianchi da altri neri di tribù nemiche e che avevano tutti i vantaggi a collaborare con l'uomo bianco ... insomma il karma africano è piuttosto pesante.

    PS Scusa se ti sto bombardando di commenti. Probabilmente ti infastidisco. Ma mi piace vedere un giovane entusiasta di cambiare il mondo. Il fatto è che per cambiare il mondo bisogna prima vederlo per quello che è e non per quello che vorremmo fosse.
    La mia quindicennale esperienza in SGI mi ha aperto gli occhi su molte, troppe cose.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog