«Per quanto complesse possano sembrare le questioni a livello globale, non dobbiamo dimenticare che siamo noi ad averle create. Dunque è impossibile che la loro soluzione sia al di là del nostro potere di esseri umani. Dobbiamo ripartire dalla nostra umanità, riformando e facendo emergere le nostre capacità: questo tipo di rivoluzione umana individuale può portare a un’effettiva riforma su scala globale» Daisaku Ikeda

Sobrietà

3) SOBRIETÀ

Descrizione:
La sobrietà è uno stile di vita e un modo di pensare che nasce da due tipi di consapevolezze: il senso del limite e il senso della possibilità. (Per approfondire clicca qui)
La sobrietà è basata sulla riduzione del proprio impatto ambientale, unitamente alla presa di coscienza che gli eccessi e gli sprechi sono dannosi non soltanto economicamente ma anche dal punto di vista ecologico, della sicurezza, della salute e della stabilità sociale. Sobrietà quindi significa ridurre al minimo gli eccessi e gli sprechi modificando il proprio stile di vita, le proprie abitudine e le proprie credenze. Significa riparare, riusare, recuperare, riciclare. Significa dare importanza alle relazioni (spirituali, umane e con l’ambiente e gli oggetti) tramite la meditazione, il dialogo con gli altri e la contemplazione del paesaggio. Significa sradicare l’attaccamento verso gli oggetti della nostra vita (auto, cellulare, TV, computer, proprietà in generale) e ricostruire una nuova relazione con essi.
Sobrietà è anche rallentare i ritmi di vita in modo da trovare i giusti tempi e modalità di curare i vari aspetti della vita.
Sobrietà significa valutare le cose non solo in quantità ma anche in qualità.


Cosa possiamo fare individualmente:

- Consumare consapevolmente, scegliendo prodotti locali e senza eccessivi imballaggi
- Non usare mezzi privati motorizzati in città e comunque evitarli quanto possibile specie se per brevi tratte, preferire la bicicletta e i mezzi pubblici
- Evitare il superfluo
- Evitare sprechi ed eccessi
- Evitare l’usa e getta
- Evitare oggetti non riparabili o di breve durata
- Mangiare poca carne e solo da allevamenti locali
- Preferire l’usato al nuovo
- Riparare, riusare e recuperare
- Sostenere il riciclaggio spinto tramite la raccolta differenziata
- Investire in energie rinnovabili per uso proprio
- Investire nel risparmio energetico: lampade a basso consumo, isolamento dell’abitazione
- Non tenere eccessivamente calde o fredde le stanze di casa, limitando l’uso di caldaie a gas e climatizzatori elettrici, preferire in ogni caso risorse energetiche rinnovabili e pulite
- Utilizzare espedienti e rimedi naturali per la cura della casa e dell’igiene personale
- Non acquistare o consumare bevande in bottiglie di plastica, non usare piatti e bicchieri di plastica frequentemente
- Fare assoluta parsimonia nell’uso di acqua e di energia elettrica
- Quando non si utilizzando, disconnettere completamente gli apparecchi elettrici dalla rete
- Non seguire le mode, preferire i gusti personali e indipendenti
- Quando si fa un regalo, meglio regalare un biglietto per un concerto o per uno spettacolo, piuttosto che riempirsi le case di cose inutili


Cosa possiamo fare collettivamente:

- Sviluppare e supportare una vera e propria cultura e filosofia di sobrietà, condizione necessaria per la propria e altri felicità
- Prevedere nei programmi educativi i principi legati alla sobrietà e come metterla in atto nella quotidianetà



Link utili

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog