«Per quanto complesse possano sembrare le questioni a livello globale, non dobbiamo dimenticare che siamo noi ad averle create. Dunque è impossibile che la loro soluzione sia al di là del nostro potere di esseri umani. Dobbiamo ripartire dalla nostra umanità, riformando e facendo emergere le nostre capacità: questo tipo di rivoluzione umana individuale può portare a un’effettiva riforma su scala globale» Daisaku Ikeda

mercoledì 26 novembre 2014

L'inesorabile conquista del cosmo



Giorni fa ho visto il film Interstellar di Christopher Nolan. Al centro del film il tema oggi più caldo che mai: il deterioramento e la fine delle risorse naturali del nostro pianeta che inevitabilmente diventa, in un futuro indefinito, non più abitabile. Gli uomini, o sarebbe meglio dire gli americani, lavorano di nascosto a un progetto per salvare la specie umana, e non gli uomini che vivono in quel momento sulla Terra. Il loro piano prende in considerazione l’unica possibilità per continuare a perpetuare lo sviluppo umano senza freni: ovvero la conquista dello spazio interstellare, in particolare l’individuazione di un altro mondo da sfruttare. 

Fa riflettere come la “naturale” tendenza umana alla crescita illimitata e al progresso tecnologico ci conduca inesorabilmente a dover superare i limiti imposti dal pianeta Terra, ma, se ci si pensa bene, è una conseguenza del tutto logica e prevedibile. L’uomo occidentale, da quello che sappiamo sulla sua storia, ha esplorato e di fatto conquistato oramai ogni angolo del pianeta, anche quelli più remoti come le vette più alte, le foreste più impenetrabili e i fondali più profondi, ha sfruttato e soggiogato la natura e le popolazioni a suo piacimento, ed è perciò comprensibile che non si lasci intimidire o scoraggiare dalla finitezza delle risorse a sua disposizione. Anzi, tutto il contrario. I limiti che si stanno presentando, in termini di deperimento di risorse e squilibrio dei fattori ecologici, rappresentano proprio lo slancio ideale per fare quel guizzo energico verso lo spazio interstellare, lanciandosi finalmente in una nuova sfida entusiasmante.

La nostra cultura ci dice che questa è la naturale aspirazione dell’uomo, che nulla può fare, se non estinguersi, per uscirne. Il passaggio dalla conquista del globo alla conquista del cosmo è l’unica soluzione, ed è inoltre in perfetta coerenza e continuità con lo sviluppo degli ultimi secoli. L’uomo grazie al suo coraggio, al suo ottimismo nel progresso e alla sua fede nella scienza riuscirà a risolvere ogni problema semplicemente continuando a fare quello che finora ha fatto con discreto successo. 

La conquista del “lontano ovest” adesso diventa la conquista del cosmo interstellare. Questo è il messaggio di fondo del film, difficilmente può essere interpretato in altro modo. 

Chi ha letto i miei scritti sa che la mia visione si discosta da quella del film, inutile ripetersi. Ma per chi si sta chiedendo quali altre alternative avrebbe l’uomo, oltre a far affidamento alla propria intelligenza e alle proprie tecnologie più avanzate, vorrei consigliare la lettura del breve racconto di fantascienza: Il pianeta Terra ai tempi di kosen rufu, liberamente scaricabile a questa pagina, che forse potrebbe essere la bozza di una prossima sceneggiatura hollywoodiana, chissà. 

La mia intenzione non è mai stata quella di voler convincere qualcuno, tanto meno me stesso, piuttosto quella di condividere una riflessione e stimolare la ricerca di nuove visioni, nuovi pensieri, e perché no, nuovi orizzonti. 

ps: non voglio neanche dare risposte facili a questioni complesse, a questo punto sarebbe il caso di dire: “si apre il dibattito”


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog