«Per quanto complesse possano sembrare le questioni a livello globale, non dobbiamo dimenticare che siamo noi ad averle create. Dunque è impossibile che la loro soluzione sia al di là del nostro potere di esseri umani. Dobbiamo ripartire dalla nostra umanità, riformando e facendo emergere le nostre capacità: questo tipo di rivoluzione umana individuale può portare a un’effettiva riforma su scala globale» Daisaku Ikeda

lunedì 29 ottobre 2012

Che bella giornata di pioggia




Che bella giornata di pioggia 
che ridente questa musica
ticchettare sulla ringhiera

Dolce odore di terre bagnate alla sera 
soave respiro di gioia 
pallido e caldo tepore del cuore

Grigio e spesso il cielo 
lucente e gaudente ugualmente 
argentee pozzanghere e ruvido asfalto 
compatte sferette di cristallo su ago di pino
lo sbattere sordo d’una porta 
lo schiudersi d’un ombrello

Vedo un uomo camminare nella pioggia
mantenere il suo passo deciso 
acqua fredda l’invade nel vestito
e un brivido lo scuote d’improvviso 
quell’uomo è giulivo

Avverte un vento gentile alle spalle
percepisce un confortante cinguettio

Firenze 27/03/05

1 commento:

  1. Bella giornata di pioggia...e bella poesia!
    Mi ha colpito anche la stranezza di suoni che sembrano uscirne mentre l'ho letta.
    A presto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog