«Per quanto complesse possano sembrare le questioni a livello globale, non dobbiamo dimenticare che siamo noi ad averle create. Dunque è impossibile che la loro soluzione sia al di là del nostro potere di esseri umani. Dobbiamo ripartire dalla nostra umanità, riformando e facendo emergere le nostre capacità: questo tipo di rivoluzione umana individuale può portare a un’effettiva riforma su scala globale» Daisaku Ikeda

martedì 24 febbraio 2015

Pasolini per la decrescita


«Non è la felicità che conta? Non è per la felicità che si fa la rivoluzione? La condizione contadina e sottoproletaria sapeva esprimere, nelle persone che la vivevano, una certa felicità “reale”. Oggi, questa felicità – con lo Sviluppo – è andata perduta»

Pier Paolo Pasolini

Tra "I precursori della decrescita" di Serge Latouche (collana edita da Jaca Book nella sua versione italiana) spicca sicuramente il nome del poeta italiano Pier Paolo Pasolini. Piero Bevilacqua, a cui è affidato questo volume della collana, traccia il profilo del Pasolini come uno dei principali critici della modernità, nonché unico poeta del Novecento che "si eriga a negatore dei convincimenti dominanti della propria epoca". E nel fare ciò, lo paragona, con la dovuta cautela, all'altro grande poeta italiano che si è distinto anche per il suo essere "superbo critico e derisore delle illusioni trionfalistiche del suo tempo", ovvero Giacomo Leopardi che vive nel secolo in cui nasce di fatto l'idea di Progresso, alimentata energicamente dall'ottimismo cieco per le innovazioni tecnologiche, sempre migliori e sempre più veloci. 

Il primo Pasolini, tuttavia, pur criticando pesantemente il fenomeno dell'avanzare incontrastato della modernità e denunciando le trasformazioni che questo fenomeno inevitabilmente induce sulla società e sull'ambiente, "rimane a lungo impigliato nella sua vocazione progressista". "Deve volere l'avanzata sociale dei lavoratori, ma è costretto a rilevare che quel processo si incarna in fenomeni di decadimento antropologico del mondo da lui amato, di svuotamento di moralità e significato della vita stessa". 

Solo più tardi si nota una posizione radicale e irremovibile, "e perciò più coerente". In un'intervista del 1975, poco prima della sua morte, afferma chiaramente questa sua netta presa di coscienza:

"Il rifiuto è sempre stato un gesto essenziale. I santi, gli eremiti, ma anche gli intellettuali, i pochi che hanno fatto la storia sono quelli che hanno detto di no, mica i cortigiani e gli assistenti dei cardinali. Il rifiuto per funzionare deve essere grande non piccolo, totale, non su questo o quel punto, “assurdo”, non di buon senso."

Pasolini era giunto a comprendere a fondo il meccanismo che si nasconde dietro al velo di razionalità e di buon senso di cui è ricoperta la società dei consumi, la quale al suo interno nasconde degrado e distruzione che col passare del tempo diventano sempre più evidenti e più difficili da mascherare nella cornice di ridente ottimismo e effimero edonismo. Il poeta capisce come il sistema si sia imposto con la totale abnegazione delle persone e trovi "una sorgente nuova e inesauribile di alimentazione nel desiderio che le stesse vittime hanno di essere dominate". "Nessun potere ha avuto infatti tanta possibilità e capacità di creare modelli umani e di imporli come questo che non ha volto e nome", ed che anche in grado di "fare apparire assurda ogni altra visione del mondo e della vita". Questa sua profonda comprensione è perfettamente espressa concisamente nella sua frase: "L'ansia del consumo è un'ansia di obbedienza a un ordine mai pronunciato".

Riconosce infine che questo nuovo potere, impersonale e invisibile, è ben peggiore di qualsiasi altra forma di dominio del passato: "nessun centralismo fascista è riuscito a fare ciò che ha fatto il centralismo della società dei consumi" e "la tolleranza della ideologia edonistica voluta dal nuovo potere è la peggiore delle repressioni della storia umana". "Per mezzo della televisione", questa forza dominante "ha cominciato un'opera di omologazione distruttrice di ogni autenticità e concretezza", "ha imposto i suoi modelli" e "non si accontenta più di un uomo che consuma, ma pretende che non siano concepibili altre ideologie che quelle del consumo". 

Sperando che l'eredità di Pasolini non resti inascoltata e che nel nuovo secolo, il nostro, possano emergere nuovi intellettuali e artisti capaci di intraprendere una analisi profonda e coraggiosa, ricca di spunti utili, che riesca ad andare oltre al convenzionale e all'assodato, auguriamo a tutti una buona lettura.




Fonte foto: Wikipedia

giovedì 19 febbraio 2015

Szerelmes Versek - Luca Madiai

A szerelemnek nincs szüksége szavakra,
nem lehet megtanítani,
sem megtanulni vagy érteni

A szerelemnek nincs szüksége bizonyosságra,
sem íratlan szabályokra
vagy elvekre, elméletekre

A szerelem csupán a sóhajokból,
a pillantásokból és a szenvedélyből él
A szerelmet az ölelések öltöztetik,
elvész az érintésekben
és megújul a csókokban


Grazie mille a Tündi e Nori per la traduzione 

martedì 17 febbraio 2015

Economia vs Ecologia ?!?



Come può l'economia non prendere in considerazione l'ecologia??

Entrambe le parole nella nostra lingua, così come nella lingua dell’economia globalizzata, derivano dal greco οίκος, oikos, “casa”. E più esattamente economia dal greco oikos “casa” inteso anche come “beni di famiglia”, e νόμος (nomos), “norma” o “legge”, mentre ecologia dal greco οίκος, oikos, “casa” o anche “ambiente” e λόγος, logos, “discorso” o “studio”. 

La ragione vorrebbe quindi che fossero due concetti strettamente legati, se non altro molto vicini. Purtroppo non è così nella realtà dei nostri giorni, in cui l’economia si confonde con la finanza e la speculazione e dove l’ecosistema e il pianeta Terra nella sua interezza non vengono mai presi in considerazione, se non in riferimento alla loro capacità produttiva, e quindi come meri elementi di un sistema di produzione industriale. 

Dalla loro etimologia si evince anche il loro significato originale. L’ecologia è la disciplina che studia le leggi naturali che sono alla base dell’ecosistema del nostro pianeta, la nostra unica casa, mentre l’economia si occupa della gestione di tale ambiente e delle sue risorse. La prima può a ragione ritenersi scienza, in quanto basata sull’osservazione delle leggi scientifiche che regolano le attività nella Terra, la seconda senz’altro no, perché, come il diritto, è influenzata dalla cultura e dalla visione umana dell’epoca e dovrebbe essere fondata sulla saggezza, o quanto meno su una sua approssimazione, sul buon senso.

La rivoluzione scientifica dell’ultimo secolo ha ridimensionato il ruolo della Scienza nell’immaginario umano, o per lo meno avrebbe dovuto farlo; allontanando l’Uomo dalla possibilità un giorno di scoprire la formula matematica con cui controllare la vita nella sua totalità. Se ciò è avvenuto, o sta avvenendo, per la Scienza, a maggior ragione dovrebbe avvenire per l’Economia, che di fatto non è una scienza. 

L’ecologia dovrebbe dettare le regole, compresi ben delineati limiti di azione, su cui poi l’economia possa costruire il suo modello di funzionamento, seppur comunque imperfetto e sempre migliorabile. Invece noi continuiamo ad affidarci all’economia e agli economisti come se questa e questi avessero la risposta a tutte le nostre problematiche e preoccupazioni, come se l’economia, e il denaro in ultima analisi, fosse un assoluto imprescindibile. 

Forse è tempo di rivedere le nostre idee a riguardo.


Fonte foto: Facebook

venerdì 13 febbraio 2015

Poesie d'Amore - Luca Madiai


L’amore non ha bisogno di parole
non lo si può insegnare
né imparare o capire

L’amore non ha bisogno di certezze
né di regole non scritte
o di principi o di teorie

L’amore si nutre solamente
di sospiri di sguardi e di follie
L’amore si veste di soli abbracci
si perde nelle carezze
e si rinnova nei baci


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio blog